Quando si pensa alla Provenza, in Francia, subito l’immagine della fioritura della lavanda coccola la mente e la inebria con i suoi profumi. Trascorrere anche solo un breve week-end per ammirare le sue infinite sfumature di viola è possibile, a patto di organizzare il viaggio nel migliore dei modi. Provenza cosa vedere in 2 giorni? In questo articolo si propone un itinerario da fare sabato e domenica, per godere di tante cose belle senza stancarsi troppo. Come punto di partenza si è scelto Apt, un paese di poco meno di 12.000 abitanti situato nel dipartimento di Vaucluse, che gode di una posizione strategica per scoprire l’atmosfera provenzale.

Provenza cosa vedere in 2 giorni: sabato

Se si arriva a Apt il venerdì sera anche dopo cena si può godere interamente della giornata di sabato. Per dormire sono disponibili alcuni hotel, B&B e ville private da scegliere in funzione del proprio budget e delle proprie esigenze.

Apt: il mercato

Un sommelier e, più in generale, un appassionato di cibo e di vino (ma non solo) non può perdersi il mercato di Apt che si tiene per tutta la giornata del sabato. Questo paese, infatti, si trova nel Parco Regionale del Luberon ed è ricco di frutta candita, vino, miele, olio, frutta e verdura fresche, insaccati e formaggi di straordinaria qualità. Questo mercato è famoso in tutta Francia e non si trovano prodotti di bassa qualità classici “da mercato” comunemente inteso, ma alimentari, ceramiche, vestiti, accessori e oggetti d’arredamento di cui innamorarsi.

Provenza cosa vedere mercato apt

Distilleria della lavanda Apt Les Agnels

A 4 km dal centro di Apt si può visitare la distilleria della lavanda Les Agnels che coltiva lavanda vera (o Lavandula angustifolia chiamata anche lavanda officinalis), lavanda aspic (o Lavandula latifoglia chiamata anche lavanda selvatica) e lavandino (risultato dall’ibridazione della lavanda vera – “mamma” – con la lavanda aspic – “babbo”).

Quella della distilleria della lavanda di Apt è una storia di famiglia cominciata nel 1895, anno in cui Julien Isidore Agnel installò un alambicco a fuoco aperto. Da allora si sono susseguite 5 generazioni che hanno fatto crescere l’attività di famiglia e l’hanno portata ad avere 50 ettari di proprietà a conduzione biologica nelle zone più belle del Parco Regionale del Luberon.

Distilleria della lavanda les agnels

Distinguere i fiori di lavanda nei campi è piuttosto semplice: da un singolo gambo di lavanda officinalis parte una singola spiga floreale piuttosto lunga, mentre da un singolo gambo di lavanda aspic e lavandino partono più spighe floreali. Nel caso della lavanda aspic la spiga floreale è molto corta e non particolarmente ricca di fiori, mentre il lavandino ha ereditato dalla “mamma” una bella spiga lunga con tanti fiori.

Tipi di lavanda

Sebbene abbiano tutte e tre proprietà per il benessere e la salute dell’uomo sarebbe opportuno acquistare solo lavanda vera in quanto il suo profumo e le sue caratteristiche sono nettamente superiori. Quanto alla differenza di prezzo, l’olio essenziale da 10 ml di lavanda officinalis costa 7,90 €, l’olio essenziale da 10 ml di lavanda aspic costa 6,90 € e l’olio essenziale da 10 ml di lavandino costa 4,90 €.

Nella distilleria della lavanda di Apt Les Agnels sono presenti tantissimi prodotti eccellenti a prezzi davvero interessanti. In particolare si consigliano i saponi all’olio essenziale di lavanda, la lavanda essiccata per profumare gli ambienti, gli oli essenziali e il liquore alla lavanda che è una specialità imperdibile per qualsiasi sommelier. Ha 25% vol, ma si beve davvero benissimo e il gusto della lavanda è presente, ma non invadente. Abbinato ai biscottini alla lavanda che sono poco dolci è una coccola deliziosa.

Una miscela unica di grano francese e olive provenzali si fonde all’olio essenziale di lavanda. Bel equilibrio di note di grano fresco e tapenade ricoperte da una sottile sensazione di “umami” dolce/salata. Sentori di mela verde e scorza di limone fresca.

Les agnels distilleria della lavanda

Apt: La Maison du fruit confit

Sempre a Apt c’è un goloso paradiso per sommelier e appassionati di vino: La Maison du Fruit Confit. Perfetta per fare innamorare della frutta candita anche chi non ama i canditi. Per capire di cosa si tratta si può solo assaggiare: lo zucchero si sente appena e valorizza un frutto intatto nei suoi caratteri organolettici. Del resto Apt è la capitale mondiale della frutta candita, anche perchè è proprio qui che è nata in epoca medioevale… ma ad opera di pasticceri italiani che avevano affinato le tecniche provenienti dalla Via della Seta. Grazie a una lungimirante manovra finanziaria che abbattè le tasse per i canditori, Apt divenne il centro della produzione francese di frutta candita.

Oggi, nel negozio-museo, è possibile assaggiare tutta la frutta candita prima di acquistarla a prezzi molto convenienti (Il barattolo da 1 kg costa 29 €). Le clementine sono straordinarie, ma sono speciali anche le pere, lo zenzero e le ciliegie al maraschino.

La maison du fruit confit apt Provenza

Ora puoi iscriverti alla newsletter o scorrere la pagina per continuare la lettura dell’articolo!

Roussillon: sentiero delle ocre + Colorado provenzale di Rustrel

La più grande cava d’ocra d’Europa –  con un sentiero facile anche per chi soffre di vertigini – ha due percorsi: uno breve da 30 minuti (in foto) e uno un po’ più lungo da circa 1 ora. Il biglietto di ingresso, valido per entrambi i tragitti, costa 3,50 €. Chi è un po’ più avventuroso può spingersi fino a Rustrel, che dista circa 20 minuti di auto da Roussillon, per ammirare il Colorado Provenzale. Anche qui sono presenti due percorsi che consentono di perdersi tra gole e camini di colore rosso e ocra accesi che sembrano rubati a un paesaggio delle fate Qui c’è un sentiero di circa 4,5 km con un dislivello di 70 metri che – con un po’ di fatica e rigorosamente scarpe da trekking – consente di ammirare un panorama straordinario. Attenzione: a differenza di quello che si trova scritto in alcuni siti web questo sentiero non è adatto a tutti (io li ho fatti entrambi)! Per questo si consiglia di partire con Roussillon e spingersi fino a Rustrel solo se si hanno le scarpe giuste con il tacchettino nella suola. Le rocce li sono estremamente friabili e in alcuni punti si scivola con facilità.

Colorado provenzale Roussillon

Roussillon: il centro storico

Roussillon è un piccolo e caratteristico paese provenzale di circa 1.300 abitanti che si trova a 10 minuti di auto da Apt. Le sue vie sono animate da piccole case di colore rosa e arancio con negozi caratteristici e tante esposizioni d’arte. Si può comprare una candela fatta a mano con gli oli essenziali in una giara simile alla Yankee Candle – ma artigianale – all’atelier boutique Il était une flamme, poi mangiare un gelato alla lavanda buono e cremoso da Angela Glacier.

Gelato alla lavanda Roussillon Provenza

Apt: aperitivo & cena

Nel tardo pomeriggio si rientra ad Apt e si può approfittare di una rosticceria/gastronomia/macelleria meravigliosa in pieno centro, ma con il parcheggio comodo: Boucherie Charcuterie Malavard. Eccezionale la pissaladière, una torta salata di origine nizzarda diffusa in tutta la Provenza a base di cipolle caramellate, acciughe, olive e olio extravergine di oliva. Questa è così speciale grazie allo strato di pasta fine, ma sostenuto e al ricco condimento molto umami. Ottima anche la selezione di prosciutto crudo, gli stuzzichini a base di formaggi caprini e il salmone gravlax con aneto. A pochi passi si trova anche un Carrefour (Insegna Proxi, a 50 metri dalla gastronomia) dove si possono comprare bottiglie di vino a temperatura di servizio per pochi €. Ammetto che non conoscendo i vini proposti ho scelto questo vino rosato locale perchè insignito della medaglia d’oro del concorso di Parigi… leggero, fresco e perfetto per un aperitivo disimpegnato in una giornata rovente come quella.

Vini rosati provenzali

Per cena, se si è stanchi e si vuole rimanere a Apt, si può andare al Restaurante Creperie Le chant de l’heure (88, Rue Saint Pierre, Apt) dove è possibile mangiare delle galette goduriose. In particolare si consiglia la Jasmin ripiena di raclette con prosciutto crudo e panna acida.

Galette Provenza cosa mangiare

Tantissime sono le proposte con carne d’anatra. Si consigliano sia la versione con miele e rosmarino sia la versione flambata al Cognac (in foto). Entrambe sono accompagnate da insalata con una salsa senapata e una patata al cartoccio ripiena di formaggio blu fuso assolutamente divina.

Cucina provenzale

Da dimenticare la versione “Magret Morilles” con – in teoria – una salsa ai funghi che purtroppo non era altro che una panna con esattamente 3 funghi dentro. Anche la patata tirata via, sempre cotta al cartoccio, ma senza nessuna deliziosa salsa al suo interno. Si raccomanda di non arrivare tardi: la seconda sera ci hanno portato una galette sbagliata (comunque buonissima) e la carne non era cottura blu come avevo chiesto, ma cottura media… ormai avevano voglia di andare a casa!

Ora puoi comprare il mio libro dedicato agli aspiranti sommelier, ai sommelier e ai winelover o scorrere la pagina per continuare la lettura dell’articolo!

Chiara Bassi libro sommelier manuale illustrato

Sommelier: il manuale illustrato

Tutti i miei appunti sul vino e sul cibo in un solo libro. Massima portabilità per studiare dove vuoi, quando vuoi… e anche con il tuo smartphone scarico! A tutti gli aspiranti sommelier… ubriacate il lupo! 😄🐺🍷🍀

Chiara Bassi

Provenza cosa vedere in 2 giorni: domenica

La domenica mattina si può fare colazione a La Pâtisserie Deslée (34 rue des Marchands 84400 Apt) e godersi un croissant ricco di burro, un macarons o altri dolcetti invitanti.

Abbazia Senanque (Abbaye Notre-Dame de Sénanque)

A meno di mezz’ora di auto da Apt si trova uno dei panorami più fotografati della Provenza: l’abbazia cistercense di Senanque. Pianta a croce latina con un’abside che esce dalle mura perimetrali per una costruzione in stile romanico caratterizzato da un bel chiostro. L’interno è molto spoglio e la visita guidata è piuttosto breve e non particolarmente interessante, ma l’esterno è così meraviglioso da meritare il viaggio. Nel complesso è presente anche un ricco negozio con prodotti realizzati dai monaci (e non solo). Da provare il miele di lavanda dell’abbazia, anche sotto forma di lecca lecca.

Abbazia di senanque lavanda Provenza

Gordes 

Questo piccolo comune provenzale arroccato è semplicemente mozzafiato, tanto da essere considerato uno dei villaggi più belli di Francia. E poi i sommelier che almeno una volta hanno sognato le atmosfere provenzali con Russel Crowe nel film Un’ottima annata dovrebbero visitare la sua piazza principale dove sono state girate alcune scene del film. Il paese presenta stradine strette ciottolate ricche di fascino che si arrampicano fino a raggiungere il castello feudale che domina il panorama. Chi vuole fermarsi per un’oretta in più può fare un giro nella città sotterranea dal Palazzo San Firmino (Les Caves du Palais St Firmin), creata per sopperire alla mancanza di spazio per farla diventare il centro dell’industria e dell’artigianato di Gordes. Purtroppo solo una piccolissima parte è visitabile attualmente e gran parte del tempo è occupato tra museo e filmati, anche in 3D.

Gordes Provenza

Domaine Des Peyre 

Da Gordes in direzione Isle-sur-la-Sorgue si incontra sulla destra una cantina ricca di installazioni artistiche che invoglia fin dal primo istante a una deviazione. Si tratta di Domaine Des Peyre, quasi un piccolo museo di arte contemporanea dove è possibile trascorrere un soggiorno ricco di charme in una delle stanze che prendono il nome dai vitigni coltivati dall’azienda. Di domenica la cantina non è visitabile, ma una bellissima sala degustazioni accoglie sommelier e appassionati di vino per scoprire i vini del Luberon. Particolarmente piacevole Le Meridional 2022, un blend di syrah, grenache e carignano dall’intenso profumo di inchiostro e ciliegia e il sorso morbido. Degustazioni a partire da 15 € con possibilità di comprare vini e prodotti locali a un prezzo interessante.

Domaine des peyres vini provenzali

Isle-sur-la-Sorgue

L’ultima tappa obbligatoria di questa zona è Isle-sur-la-Sorgue, a 20 minuti di auto da Gordes e circa 30 minuti di auto da Apt. Questo paese di oltre 20.000 abitanti è ricco di fascino grazie ai suoi canali che ospitano antiche ruote idrauliche, fiori e vie costellate di negozi dalle insegne Art Nouveau.

Isle sur la sorgue Provenza

Imperdibile una tappa a Le Comptoir de Mathilde a degustare i liquori artigianali prodotti proprio nel negozio… il mio preferito? “Notte di follia” a base di rum, cioccolato, caramello e vaniglia. Se si vuole comprare qualcosa si sceglie la bottiglia e si riempie al momento: 250 ml costano 14,50 €. Anche il gelato artigianale alla lavanda è buono. Ah, in Provenza ci sono gelaterie ovunque e la qualità è mediamente alta.

Isle sur la sorgue negozio liquori

I sommelier appassionati di antiquariato rimarranno incantati durante il mercato della domenica e le gallerie d’arte e di modernariato dislocate lungo il fiume.

Isle sur la sorgue Provenza antiquariato

Provenza cosa vedere in 2 giorni… ma soprattutto quando andare

Per godersi la fioritura della lavanda l’ideale è arrivare tra l’ultima settimana di giugno e la prima metà luglio. Dopo raccolgono la lavanda e, per quanto la Provenza sia comunque bella, si rischia di rimanere delusi.

Caricamento